Galleria Artemisia - Mortegliano (UD) Italy
 
 
home > visite didattiche

 
 
 

visite didattiche

 

 

 

BERLINO. Il ricordo di qualcosa.

Con un volo pomeridiano atterriamo a Berlino e raggiungiamo, con un trasferimento privato, il hotel in centro. Dedichiamo il giorno successivo alla Berlino trionfale: passeggiata dalla Porta di Brandeburgo fino al Duomo con tappa nella piazze importanti per la storia della città, dove si trovano tutte le varie impronte lasciate dagli Hohenzollern: la piazza Gendarmenmarkt, la Bebelplatz, la Neue Wache, lo Zeughaus e il Duomo. Dopo il pranzo libero raggiungiamo l’Isola dei Musei per visitare il Pergamon (putroppo la sala dell'altare è chiusa per restauro fino al 2023 ma si vedono Babilonia, Mileto, e la Stanza di Aleppo…vale alla grande!). Il terzo giorno e per la Berlino moderna e modernissima: passeggiata attraverso i nuovi nuclei architettonici della Berlino costruita dopo il muro: si focalizzerà l’attenzione del gruppo sulla Hauptbahnhof, sul Reichstag, il Band des Bundes, il Kanzleramt e si passeggerà attraverso la Potsdamer Platz di Renzo Piano (complesso Daimler Chrisler) e Helmut Jahn ( Sony Center). Dopo il pranzo libero, sempre all’Isola dei Musei, entriamo alla Alte Nationalgalerie che ospita una delle più importanti collezioni tedesche di pittura dell’Ottocento e comprende capolavori di Caspar David Friedrich, Arnold Böcklin, Adolph Menzel, Edouard Manet, Claude Monet, Auguste Renoir e Auguste Rodin… Per il quarto giorno propongo la Berlino dei Totalitarismi: visita dei luoghi e dei siti calienti di Berlino che mostrano la storia del 20 secolo. Dal Reichstag, legato all'impero degli Hohenzollern, ma anche a Hitler e Stalin per gli eventi del 1933-1945 e al Muro, si seguirà un percorso che mette in risalto le cause, i modi e le conseguenze delle due dittature che si sono succedute a Berlino nel XX secolo. La Porta di Brandeburgo, il Memoriale agli ebrei sterminati, il ministero delle finanze, la vecchia sede delle SS e SA, i resti del muro e il Check Point Charlie. Dopo il pranzo libero raggiungiamo lo Jüdisches Museum, spettacolare progetto di Daniel Libeskind e considerato, per i suoi contenuti e la sua architettura, un’eccellenza mondiale. Il Museo, sintesi architettonica dell’identità culturale di un popolo, si pone anche come tangibile espressione della presenza e del ruolo degli ebrei in Germania, ma oltre tutto questo è un invito alla riconciliazione, fisica e spirituale, della città di Berlino con l’Olocausto.  L’ultima breve mattinata è per una lauta colazione e la partenza verso l’aeroporto da dove, un breve volo, ci riporta in Italia

26 – 27 – 28 – 29 e 30 Dicembre 2017

La quota di partecipazione (base 30 persone) è fissata in Euro 570,00 (soci sostenitori Euro 560,00) comprensive di: Volo aereo A/R di linea da Treviso – Franchigia bagaglio a mano 10 Kg. – Transfer a Berlino dall’aeroporto all’albergo e viceversa – sistemazione in hotel 4* centrale in camere doppie con servizi privati e prima colazione – tasse e percentuali di soggiorno –Ingressi ai musei indicati nel programma – Guida e accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 15 Ottobre con versamento di Euro 200,00 a titolo di caparra. La data del saldo e il programma dettagliato saranno comunicati ai partecipanti.

Guida: Angelo Pirrera – Accompagna: Annaluisa Gori

Tour in programmazione

 

SORPRENDENTE BORGOGNA.

La Borgogna è una regione prospera, famosa per il vino, dove la cucina è semplice ma eccellente e l’architettura magnifica! Qui la vita degli uomini è strettamente intrecciata a quella della natura; le tradizioni resistono e i villaggi di pietra, sospesi nel tempo, si alternano alle foreste e ai lunghi e bassi filari che inanellano dolci colline. Silenzi claustrali, chiese romaniche, cattedrali gotiche, un ospedale ricoperto di pinnacoli e tegole lucenti…impariamo a leggere portali istoriati e jubè ricamati…assaggiamo il vino nuovo e bridiamo al nuovo anno!

Per attraversare le Alpi raggiungiamo Aosta, scegliamo il Monte Bianco e, oltrepassato il traforo, pernottiamo in Franca Contea. A Boug en Bresse, nella chiesa abbaziale di Brou, gli intagli degli stalli del coro, le vetrate e il meraviglioso jubè ci riempiono gli occhi. Attraversando un paesaggio di colline e vigneti raggiungiamo Cluny per visitare uno dei maggiori centri religiosi del medioevo. Beaune è racchiusa dai bastioni e custodisce un tesoro inaspettato: un ospizio costruito nel 1443 per accogliere i poveri, concepito secondo i progetti degli ospedali del nord della Francia. Il tetto multicolore, le guglie e le cuspidi ci attirano al suo interno dove è custodito il celebre polittico del Giudizio Universale di Roger van der WeydenDigione odora di senape con pan pepato e racconta un passato lontano e ricchissimo. La gotica Notre Dame, dai curiosi doccioni, il Palais des Ducs, la bella facciata di St. Michel per finire col Museo di Belle Arti, uno dei più importanti di Francia. Vezelay è patrimonio dell’Unesco; come i pellegrini medievali, che qui si davano appuntamento per proseguire verso Compostela, saliamo lungo la stradina che porta all’antica abbazia di St-Madeleine dove si diceva fossero conservati i resti di Maria Maddalena. La facciata è un incanto! Autun, fondata da Augusto, ancora oggi è stupenda. La magica cattedrale di St-Lazare fu costruita nel XII secolo e il suo portale gemino è un capolavoro di scultura romanica attribuito con certezza a Gislebertus. Tonnerre è graziosissima, circondata da vigneti, sulla riva sinistra dell’Armancon. Ad Auxerre la Cattedrale di St-Etienne ha un’imponente facciata ritmata da contrafforti, stupende vetrate istoriate e una cripta che custodisce l’affresco romanico di un Cristo su un cavallo bianco. L’abbazia di Fontenay è il più antico edificio cistercense rimasto e mirabilmente conservato; fu fondato proprio da Bernardo di Chiaravalle e costruita in mezzo ad una foresta. Ci viene proposta la regola monastica nella sua completezza: sublime austerità e massima compostezza! Rifiutiamo e andiamo avanti… l’odore del vino nuovo ci riporta alla realtà e rientriamo pieni di buoni propositi per il nuovo anno…

Dal 2 al 7 Gennaio 2018

La quota di partecipazione (base 30 persone) è fissata in Euro 650,00 (soci sostenitori Euro 640,00) comprensive di: pullman granturismo - sistemazione in hotel 3/4* stelle, in camere doppie con servizi privati e trattamento di mezza pensione (pernottamento, prima colazione e cena) – gli ingressi ai siti e monumenti indicati – guide locali ove previste – accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 20 Ottobre con il versamento di Euro 200,00 a titolo di caparra. La data del saldo e il programma dettagliato saranno comunicati ai partecipanti.

Guida/accompagna: Annaluisa Gori – Guide locali – Driver: Roberto

Tour in programmazione

 

MILANO. Palazzo Reale “Dentro Caravaggio” e MILANO CONTEMPORANEA.

Saranno riuniti per la prima volta in un’unica esposizione 18 capolavori del maestro: dal San Giovanni Battista (1603), al San Girolamo Penitente (1605-1606); dal Fanciullo morso da un ramarro (1596-97), al Sacrificio di Isacco (1602-03). Le opere provengono dai maggiori musei italiani e da importanti istituzioni internazionali. Ma a fare notizia e a spiegare il titolo “Dentro Caravaggio” sarà un allestimento che per la prima volta porterà al pubblico non solo l’emozione e la possibilità di ammirare i dipinti sulla tela, ma darà anche modo di capirne il processo di realizzazione, attraverso un apparato multimediale a corredo di ogni singola tela nel tentativo davvero di andare “dentro” la fase creativa. Le riflettografie e le radiografie che penetrano in diversa misura sotto la superficie pittorica, aiuteranno ad interpretare fasi compositive invisibili all’occhio.

Dopo il pranzo libero completiamo la giornata con il tour della Milano Contemporanea  che ci permetterà di apprezzare un volto inedito di questa città che continua a salire: il sontuoso Palazzo Lombardia, sede del governo regionale, la passeggiata nel quartiere Porta Nuova, caratterizzato da grattacieli ed edifici futuristici, l’affascinante Torre Pelli, il  Bosco Verticale, realizzato secondo un concetto innovativo di connessione fra modernità e natura fino al design audace di Piazza Gae Aulenti, il centro del quartiere.

Domenica 21 Gennaio 2018

Partenza in pullman granturismo alle ore 7.00 da Udine Teatro, lato Viale Trieste (7.20 Galleria Artemisia - Mortegliano). Rientro previsto per le 21.00. Costo di partecipazione (base 35 persone) Euro 62,00 (soci sostenitori Euro 60,00) comprensive di: pullman granturismo, ingresso alla mostra, visita guidata della Milano Contemporanea, accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 20 Dicembre

Guida:  Elena Riboldi per Milano Contemporanea – Accompagna: Annaluisa Gori

 

SVEZIA – FINLANDIA – NORVEGIA. Aspettando le Aurore Boreali a Capo Nord.

Udine – Stoccolma – Kapellskär – Naantali – Rauma – Pori – Kokkola – Oulu – Kemi – Kittila – Karasjok – Capo Nord – Inari – Lulea – Skelleftea – Stoccolma – Udine.

C'è un luogo che non conosce rumore, se non il sussurro del vento interrotto dalle grida rauche degli uccelli. Un luogo dove il silenzio è poesia e dove la natura diventa grandioso, seducente, struggente spettacolo: Il Grande Nord. Una terra di paesaggi estremi, assoluti, fatti d'acqua e roccia, colorati di foreste di smeraldo e vallate di velluto d’estate, d’immacolato e abbagliante bianco d’inverno maculato da branchi di renne in cammino verso il mare. In questi villaggi da fiaba la vita segue il ritmo della luce e dell'ombra, dell'avvicendarsi sereno e sempre uguale delle ore, dei giorni, delle stagioni. Questa terra dalle vastità schiaccianti, mozzafiato, capace di dare brividi selvaggi e poetici, è la patria di popoli miti, tolleranti e accoglienti ed è il teatro di fenomeni naturali ammalianti, come l'aurora boreale e il sole di mezzanotte. Il viaggio a queste latitudini è un'esperienza irripetibile, capace di scatenare l'antica vertigine di fronte al sublime mistero del mondoAurora Borealis significa letteralmente "vento dell'alba"; non è possibile prenotarla, né noleggiarla per il tempo di uno scatto studiato; si manifesta all’improvviso e poi scompare senza preannuncio e senza lasciare traccia, veloce ma teatrale, calcando le scene del più grande stadio che l’uomo possa abbracciare con gli occhi…..

Arriviamo in volo a Stoccolma e incontriamo il pullman equipaggiato per il tour che ci ha preceduto con i bagagli e le attrezzature partendo due giorni prima. Raggiungiamo Kapellskär per traghettare in Finlandia e scendere a Naantali. Il paesaggio è bellissimo con la costa frastagliata illuminata e abbracciata dai ghiacci. Iniziamo a risalire il Golfo di Botnia incontrando lungo il percorso la pittoresca Rauma, patrimonio dell’Unesco, PoriVaasaKokkola…deliziosi villaggi con case di legno che si conservano dal XVI secolo. All’altezza di Oulu pieghiamo verso l’interno: miniere di rame e oro intercalano il nostro percorso e, lasciato il mare, prendiamo la via di Kittila dove visitiamo il Villaggio di Ghiaccio. Superato Karasjok, dov’è il Parlamento Sami, entriamo in Norvegia e per due lunghe notti ci appostiamo a Capo Nord. Iniziamo la via del rientro lasciando a malincuore l’agognato promontorio e, raddoppiata Inariprendiamo la strada verso Rovaniemi. Sostiamo per ringraziamenti e rimostranze al villaggio di Babbo Natale, anticipando desideri e promesse… Ancora un giorno in Lapponia a caccia di aurore, a spasso con le racchette da neve, guidati da un sami del luogo e dagli husky dagli occhi cerulei, alternando alle slitte, il caldo fuoco del camino, una sauna, uno zuccherino immerso nell’alcool speziato che intontisce le labbra…e la mente. Rientriamo scendendo lungo il Golfo dal versante svedese fermandoci nei villaggi più interessanti. A Lulea, visitiamo la Kirkstadt, patrimonio Unesco, costituita da oltre 400 casette in legno per i parrocchiani che ancora oggi si recano alle funzioni. A Skelleftea passeggiamo sul rosso e suggestivo ponte dell’amore. Infine Stoccolma… Gamla Stan, la città vecchia dalle strette stradine pittoresche ed eleganti, il Kunglica Slottet, residenza ufficiale del re, la Storkyrkan, cattedrale di Stoccolma, il Riddarhustorget, Casa dei Cavalieri, preceduta dalla statua del re Gustavo Vasa, la Riddarholmskyran, dove riposano i re di Svezia. Non manchiamo, lo Stadshuset (Municipio), simbolo della città con la statua giacente del suo fondatore, Birger Jarl. Dopo gli ultimi acquisti ci dirigiamo all’aeroporto. Un volo ci riporta in Italia… Se non abbiamo incontrato l’aurora diciamo senz’altro di averla vista e lo scatto rubato ad una cartolina prestampata farà l’invidia di chi non è venuto....

Dall’ 8 (volo serale)  al 18 Febbraio (Carnevale e le Ceneri) 2018

Quota di partecipazione (base 30 partecipanti) Euro 1.570,00 (soci sostenitori Euro 1.550,00) comprensive di: Volo low cost A/R, tasse aeroportuali comprese - Franchigia bagaglio a mano 10 Kg (i bagagli pesanti  e attrezzature saranno caricati due giorni prima sul pullman, equipaggiato appositamente per il tour, che ci precede via terra) - Pullman granturismo – Sistemazione in hotel  3* e 4* in camere doppie – Trattamento di prima colazione e cena in hotel – Pranzi in ristorante lungo il percorso – Traghetto diurno Kappelskär/Naantali in passaggio ponte – Ingressi: Castello di Neve, Villaggio di Ghiaccio, Museo dell’Oro e Parlamento Sami a Karasjok – Accesso al promontorio di Capo Nord – Visita all’allevamento di husky in Lapponia con guida e prodotti lapponi serviti nella cota – Guide locali ove previste – Guida/accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 15 Dicembre con il versamento di Euro 400,00 a titolo di caparra. La data del saldo e il programma dettagliato saranno comunicati ai partecipanti.

Guida/accompagna: Annaluisa Gori - guide locali – driver: Roberto

Tour in programmazione

VERONA. Museo AMO “Botero” e Villa Arvedi a Grezzana (Vr)

Oltre 50 opere di grandi dimensioni ripercorrono la carriera del colombiano Fernando Botero. I suoi corpi smisurati, le atmosfere fiabesche e fantastiche dell’America Latina, l’esuberanza delle forme e dei colori si dipanano in una esposizione che tocca tutti i temi cari all’artista, un uomo apolide ma legato alla cultura della sua terra, la cui pittura non è classificabile in nessun genere, pur essendo figurativa e richiamandosi alla classicità. L’esposizione si articola in dieci sezioni, dagli Esordi, passando per Versioni da antichi maestri, con le sue rivisitazioni personalissime e ironiche dei classici della pittura occidentale, le Nature morte, l’universo variopinto del Circo, la Vita Latino Americana densa di nostalgia. Nella sezione dedicata alla Politica ad attrarlo sono l’eleganza multicolore degli abiti sgargianti dei rappresentanti del potere. Non potevano mancare il tema suggestivo e affascinante della Corrida, quello della Religione e i famosi Nudi i cui i volumi sono ammantati da una grazia straordinaria nonostante l’abbondanza dei corpi.

Completiamo la giornata con la visita di Villa Arvedi, a pochi chilometri da Verona, in posizione dominante sulla Valpantena a Grezzana, una delle ville venete più maestose della provincia. La storia della Villa risale al 1200, quando la casa apparteneva all’illustre famiglia Dalla Scala. Verso la metà del 1650 assume l’aspetto attuale su disegno dell'architetto G.B. Bianchi e dal 1824, dopo molte vicissitudini, diventa proprietà della famiglia Arvedi. Al suo interno si distinguono la sala dei Cesari e la sala dei Titani, affrescate da Ludovico Dorigny, dal Farinati, dal Fralezza e da Santo Prunati. All’esterno si trova la chiesetta barocca, anch’essa affrescata da Dorigny e dedicata a San Carlo Borromeo, il quale, si racconta, venne qui ospitato durante il viaggio verso Trento per il Concilio del 1485; famoso anche il giardino all’italiana, unico nel suo genere, caratterizzato da raffinati disegni a duplice ventaglio.

Domenica 25 Febbraio 2018

Partenza in pullman granturismo alle ore 7.00 da Udine Teatro, lato Viale Trieste (7.20 Galleria Artemisia - Mortegliano). Rientro previsto per le 21.00. Costo di partecipazione (base 35 persone) Euro 55,00 (soci sostenitori Euro 53,00) comprensive di: pullman granturismo, ingressi, guide locali, guida/accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 7 Febbraio.

Guida/accompagna: Annaluisa Gori – guida locale: Giulia Bonato

 

UDINE: Dall’antica confraternita dei Battuti alla famiglia Savorgnan attraverso il mito di Romeo e Giulietta.

Storia della nascita dell’Ospedale di S. Maria della Misericordia, dall’antica Confraternita dei Battuti, al convento francescano e all’attuale Tribunale; da Largo Ospedale Vecchio si raggiungerà Piazza Venerio illustrando la storia della Chiesa di S. Stefano e del palazzo della famiglia Savorgnan con le sue vicissitudini legate al Friuli, a Venezia, alla Zobia Grassa del 1511 e all’origine del mito di Romeo e Giulietta. Attraverso Palazzo Morpurgo il percorso continuerà in via Vittorio Veneto con la storia dei suoi palazzi e dell’antica contrada di S.Maria Maddalena con relativa chiesa ed oratorio, da qui si proseguirà in via Aquileia con la visita della chiesa del Carmine, custode dell’arca del Beato Odorico e degli splendidi affreschi seicenteschi. L’itinerario si concluderà con la storia di Porta Aquileia, facente parte della quinta cerchia di mura.

Sabato 3 Marzo 2018

Ritrovo davanti alla Chiesa di San Francesco, in Largo Ospedale Vecchio, alle ore 10.00. Le visite termineranno intorno alle ore 12.30.  Per la partecipazione è gradito il contributo di Euro 7,00. Adesioni entro il 27 Febbraio.

Guida: Elisabetta Milan

 

UDINE: Il Duomo, il Museo del Beato Bertrando e la Purità.

Visita del Duomo attraverso l’opera dei Patriarchi e degli artisti che ne hanno lasciato memoria artistica: il Martini, il Pellegrino da San Daniele, il Tiepolo, con le pale e la cappella del SS. Sacramento, il Torretti con i pregevoli stalli. Seguirà la visita del Museo del Duomo di Udine, in cui sono presenti i paramenti sacri del Beato Bertrando, la sua Arca marmorea e gli affreschi trecenteschi di Vitale da Bologna eseguiti per la Confraternita dei Fabbri. Si concluderà l'itinerario con la visita dell'oratorio della Purità, dove Gianbattista e Giandomenico Tiepolo collaborarono assieme prima della partenza verso Würzburg.

Sabato 17 Marzo 2018

Ritrovo davanti al Duomo alle ore 10.00. Le visite termineranno intorno alle ore 12.30.  Per la partecipazione è gradito il contributo di Euro 7,00. Adesioni entro il 13 Marzo.

Guida: Elisabetta Milan

 

FORLI’. Musei di San Domenico “L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio

La mostra documenta quello che è stato uno dei momenti più alti e affascinanti della storia occidentale. Gli anni che idealmente intercorrono tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610), tra l’avvio della Riforma protestante (1517-1520) e il Concilio di Trento (1545-1563), rappresentano l’avvio della nostra modernità. L’istanza alla Chiesa di Roma di un maggiore rigore spirituale, se da un lato produce una rinnovata difesa delle immagini sacre, dall’altro impone una diversa attenzione alla composizione e alla raffigurazione delle immagini, nonché una ridefinizione dello spazio sacro e dei suoi ornamenti. In Italia la battaglia più impegnativa per il dipingere e per il vivere moderno si combatte nella pittura di commissione sacra e il protagonista di questa lotta è Caravaggio. Egli tenta una innovazione radicale del suo significato religioso come atto di fede profondamente popolare. Tra l’ultimo Michelangelo e Caravaggio, passando attraverso Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, Pellegrino Tibaldi, i Carracci, Federico Barocci, Veronese, Tiziano, Federico Zuccari, Cavalier d’Arpino, Giuseppe Valeriano e Scipione Pulzone, si dipana un filo estetico di rimandi e innovazioni che darà vita a una età nuova.

Completiamo la giornata con la visita guidata di Forlì: percorriamo in bus Viale della Libertà sul quale si affacciano importanti esempi di architettura degli anni '30 realizzati in un momento di rinnovamento urbanistico, quando Mussolini riteneva Forlì, la "provincia delle origini", seconda soltanto a Roma! Verrà aperta per noi la sede dell'Ex Collegio Aereonautico, in cui si trovano perfettamente conservati i mosaici di Canevari dedicati alla storia del volo e delle imprese aereonautiche in Italia, ispirato all'antica Roma, ma realizzato secondo i principi dell'aereopittura e del futurismo. Visitiamo la Basilica di San Mercuriale, che conserva al suo interno una splendida pala dedicata all'Immacolata Concezione di Marco Palmezzano. Terminiamo con una passeggiata in centro per entrare nel cortile cinquecentesco di Palazzo Guarini e velocemente a Palazzo Romagnoli che, in splendide sale affrescate, conserva l'originale Collezione Verzocchi con opere di Gutturo, de Pisis, Depero, Vedova, DeChirico...

Domenica 18 Marzo 2018

Partenza in pullman granturismo alle ore 7.00 da Udine Teatro, lato Viale Trieste (7.20 Galleria Artemisia - Mortegliano). Rientro previsto per le 21.00. Costo di partecipazione (base 35 persone) Euro 69,00 (soci sostenitori Euro 67,00) comprensive di: pullman granturismo, ingressi, guide locali, pranzo in ristorante, accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 28 Febbraio

Accompagna: Annaluisa Gori – guide dei Musei di San Domenico – guida locale: Lisa Rodi

 

ANTICIPAZIONI DI PRIMAVERA

OLANDA IN FIORE: Pane…e tulipani…

Partenza in pullman nel pomeriggio del mercoledì. In serata raggiungiamo Monaco dove, in centro, è il nostro pernottamento. Il giovedì dopo la prima colazione e una passeggiata nel centro storico della capitale della Baviera, ripartiamo in direzione di Colonia dove, nel pomeriggio, alle 15:30 è previsto l’atterraggio del volo dei nostri compagni di viaggio. Ricompattiamo il gruppo e, ripromettendoci di visitare Colonia con il suo celebre duomo, l’ultimo giorno, ci dirigiamo in Olanda e entriamo dalla cittadina di Enschede, grande centro tessile, noto per i suoi meravigliosi parchi. Considerata l’ora legale e il fatto che siamo al nord, la luce ci consentirà di raggiungere Zwolle passando dalla vivace cittadina di Deventer, sulla riva destra dell’Ijssel, con un nucleo storico circondato da canali. La strada è ricca di scorci pittoreschi fatti di campi coltivati, mulini e fattorie. A Staphorst gli abitanti continuano ad indossare i costumi tradizionali blu e neri mentre Giethoorn è considerato “il più bel villaggio d’Olanda”, si tratta di una cittadina incantevole fondata nel 1230 da perseguitati religiosi e che deriva il suo aspetto caratteristico dallo scavo di una torbiera. La campagna è incantevole: riserve naturali e foreste si alternano a campagne dedite all’allevamento di ordinati greggi di pecore. Groninga  fiorì nel XII secolo come città di commerci affiliata all’Hansa. Nel XV secolo divenne prestigiosa sede universitaria e raggiunse fasto e celebrità. Del glorioso passato si conservano la Martinikerk dal coro sontuosamente affrescato, il magnifico Prinsehof, anticamente complesso monastico, fino al moderno Gebouw van der Gasunie (ufficio principale dell’azienda olandese di gas) progettato secondo i principi dell’architettura organica e il ricco Groninger Museum, opera recentissima di Alessandro Mendini, custode di reperti archeologici, arte applicata, e pittura d’avanguardia. Prima di lasciare il nord indugiamo a Uithuizen dove, nel folto della foresta, sorge il Menkemaborg, un castello del XIV secolo con bellissimi giardini all’italiana di inizio ‘700. Per una strada secondaria raggiungiamo Eenrum. Qui, presso il vecchio mulino, l’antica fabbrica di senape funziona ancora…! Entriamo in Frisia: i campi restano immensi ma il paesaggio è variegato: a nord il profilo ondulato delle dighe è rotto da tetti spioventi e campanili improvvisi. A Harlingen il centro storico ha ancora il sapore di un porto antico. Qui rivediamo il mare e lo costeggiamo per percorrere la colossale Afsluitdijk, la grande diga del Nord, 29 sottili chilometri di terra rubata al mare… e raggiungere Den Oever. Enkhiutzen è una delle località più suggestive della regione e i suoi edifici eleganti sono il segno della prosperità del Secolo D’Oro. I polder lasciano il posto ai campi di tulipani mentre continuiamo a scendere. La costa occidentale del Markermeer vanta borghi incantevoli: Edam, con l’agile Speeltoren e la Grotekerk dalle preziosissime vetrate, conosciuto in tutto i mondo per il formaggio rivestito di cera: rossa per l’esportazione, gialla per il consumo locale;  Volendam, antico villaggio di pescatori, dove ancora oggi i pizzi, i corpini attillati e i caratteristici copricapi vestono le belle olandesi… fino ad arrivare ad Amsterdam dove non possiamo mancare il Museo Van Gogh, progetto dell’architetto Gerrit Rietveld, appartenente al movimento De Stijl. Al suo interno 200 dipinti e 500 disegni dell’artista oltre a 850 lettere autografe, testimoniano la vita tormentata e frenetica del celeberrimo pittore. Lasciamo la città diretti all’affascinante Haarlem. Passeggiando per le deliziose strade pedonali del centro storico; non si direbbe nemmeno che siamo nel cuore della stampa olandese, delle fiorenti industrie farmaceutiche e dei bulbi in fiore. La maggior parte dei luoghi di interesse sono raggiungibili dalla Grote Markt, la vivace piazza con edifici antichi, caffè, librerie antiche e negozi di antiquariato. Proseguiamo verso il meraviglioso Parco di Keukenhof, il parco di fiori più noto e grande del mondo! 7 milioni di fiori da bulbo, piantati ogni anno, fioriscono da metà marzo a fine maggio e offrono una fantastica collezione di tulipani, giacinti, narcisi, orchidee. L’Aia ha un abitato elegante con una rara compresenza di edifici antichi e moderni che si integrano in maniera armonica. Possiamo permetterci solo una passeggiata pensando che all’interno dell’elegante Maurithuis, appena riaperto, ci sono opere strepitose di scuola fiamminga fra le quali La ragazza dall’orecchino di perla…Delft è tra le città più antiche ed eleganti dell’Olanda meridionale. Circondata ed intersecata da canali nelle cui acque si specchiano edifici dei secoli passati. Qui nella seconda metà del ‘500 operavano oltre 30 atelier che lavoravano la famosa porcellana dai disegni blu e..nel 1632 nacque Jan Vermeer…Arriviamo a Utrecht, da secoli capitale religiosa dei cattolici olandesi. La slanciata Domtoren domina la Domplein,  il prezioso chiostro con tre gallerie gotico-fiammeggianti ornate di pinnacoli, doccioni e rilevi, racconta la vita di San Martino. Ripartiamo verso la Germania, in direzione di Colonia ma sostiamo a ‘s Hertogenbosch patria del celebre pittore Hieronymus Bosch. La sua cattedrale gotica di San Giovanni è il più bell’edificio religioso olandese, capolavoro del gotico fiammeggiante. Finalmente rientriamo a Colonia. Il Duomo, meraviglia in stile gotico francese, con la sua mole imponente e le due torri gemelle con guglie alte 156 metri, è il simbolo inconfondibile della città e, dal 1996, patrimonio dell'Unesco. Venne costruito per volere dell'Arcivescovo Konrad von Hochstaden a partire dal 1248. All’interno, dietro l’altare principale è situata l’Arca dei Re Magi, in legno e argento dorato, il più grande sarcofago del mondo: contiene le reliquie dei Magi, trafugate da Federico I Barbarossa dalla Basilica di Sant’Eustorgio a Milano…! Vorremmo riportarcela in Italia ma il pullman sarà già straripante di bulbi di tulipani dai colori vivaci! In tempo utile raggiungiamo l’aeroporto per il nostro volo che atterra a Treviso nel primo pomeriggio.

Da mercoledì 28 Marzo (per chi viaggia in pullman) o giovedì 29 Marzo (per chi vola) a martedì 3 Aprile 2018  (Pasqua)

La quota di partecipazione (base 30 persone) è fissata in Euro 750,00 (soci sostenitori Euro 740,00) comprensive di: volo A/R tasse aeroportuali comprese (chi desidera può viaggiare via terra partendo il giorno precedente con pernottamento e prima colazione compresi, in centro a Monaco), pullman granturismo, sistemazione in hotel 3/4* in camere doppie con servizi privati in trattamento di mezza pensione (colazione e cena), gita in battello a Giethoorn tutti gli ingressi indicati, guide locali ove previste, guida/accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 27 Gennaio  con versamento di Euro 200,00 a titolo di caparra. La data del saldo e il programma dettagliato saranno comunicati ai partecipanti.

Guida/accompagna: Annaluisa Gori e locali – Driver Roberto

Tour in programmazione

 

BOLOGNA. MAMbo:Revolutijada Chagall a Malevič, da Repin a Kandinsky ,

La mostra racconta uno dei capitoli più radicali del Modernismo; una stagione straordinaria, quella dell’arte russa tra il 1910 e il 1920, che ha visto fiorire a ritmi vertiginosi una miriade di scuole e movimenti destinati a lasciare il segno. Declinazioni locali del fermento che nello stesso periodo infiammava gli ambienti artistici di tutta Europa, ma anche riflesso dei cambiamenti epocali che trasformarono per sempre il volto del Gigante Russo. Ci saranno Marc Chagall, Kazimir Malevič, Vasilij Kandinskij, insieme a Nathan Altman, Natalia Goncharova, Alexandr Rodchenko, Valentin Serov; fino a Il’ja Repin, Kuzma Petrov-Vodkin o Boris Kustodiev, la cui fortuna fu penalizzata dalle rigide politiche del regime sovietico in ambito artistico. Dal Primitivismo al Cubo-Futurismo e al Suprematismo, l’esposizione promette un’ampia varietà di sguardi e stili, mentre negli stessi anni scorreva parallela la tensione tra la figurazione espressionista e la purezza dell’Astrattismo.

Completiamo la giornata con la visita degli interni di Palazzo D'Accursio, oggi Palazzo Comunale, con gli appartamenti
cardinalizi e la splendida sala detta la " Boschereccia"
, una fra le più suggestive “stanze paese” largamente diffuse nella Bologna napoleonica e terminiamo con la basilica di Santa Maria dei Servi che conserva una Maestà di Cimabue.

Domenica 22 Aprile 2018

Partenza in pullman granturismo alle ore 7.00 da Udine Teatro, lato Viale Trieste (7.20 Galleria Artemisia - Mortegliano). Rientro previsto per le 21.00. Costo di partecipazione (base 35 persone) Euro 57,00 (soci sostenitori Euro 55,00) comprensive di: pullman granturismo, ingresso alla mostra con guide interne al museo, ingressi in città, guida locale, accompagnatore al seguito. Adesioni entro il 7 Aprile.

Accompagna: Annaluisa Gori – guide interne al MAMbo – guida locale: Mirella Curzolo

 

In conformità con le normative vigenti in materia, i viaggi si avvalgono dell'organizzazione tecnica di A.di V. abilitate. I tour in programmazione non sono confermati ma solo proposti. All'atto della conferma i partecipanti riceveranno foglio notizie con eventuali variazioni e dettaglio degli operatori. I tour sono riservati agli iscritti e ai soci sostenitori

Per i viaggi: Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’art. 16 della legge n. 269 del 3 agosto 1998:

“La legge italiana punisce con la pena della reclusione i reati inerenti alla prostituzione e alla pornografia minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero”

 

 

 

 

 

Galleria Artemisia - Mortegliano (UD) Italy